Ora mi sento pronta!

È da un po’ che non riesco a scrivere su questo blog, come se non mi sentissi mai pronta a mettere nero su bianco. La verità è che, nonostante io scriva di fatti personali, accessori che testo e film che guardo, non ho comunque ispirazione.
Vi dirò, ho anch’io il blocco dello scrittore se così si vuol chiamare XD
Ma sento lo stesso il bisogno e l’esigenza di dire i miei pensieri qui.
E come ben sapete ormai, amo provare cose nuove, proprio per questo è nato questo blog.
Ma nell’ultimo anno ahimè, un po’ per la pandemia, un po’ perché ho dato importanza ad altre cose, ho avuto davvero poche collaborazioni ma ciò non toglie che io non abbia pensato al mio lavoro da blogger. Questo mai!

Ho pensato più volte di incentrare di più questo portale sulla mia persona, questo perché qui ho passato i miei anni a scrivere senza mai mostrarmi, forse per paura di essere giudicata, forse semplicemente perché non mi sentivo pronta.
Ma adesso, in questo momento, con qualche anno in più, sento di poter esternare i pensieri sulla mia vita.
Anche se un po’, in effetti, già ho iniziato a farlo nei post poco più giù.

Perché questo?

Ma io credo semplicemente perché sono cresciuta. Ho preso più coscienza di me e dei miei limiti. Cose che senza dubbio fino a poco tempo fa, incoscientemente, non volevo accettare o non volevo ammettere del tutto. Oggi, un po’ più grande e consapevole che la vita è uguale ma diversa per ogni essere vivente, sono pronta a parlare di me.

So che sono solo una goccia in mezzo ad un mare immenso di persone che sicuramente parlano più o meno della stessa cosa, ma sono del parere che ogni mente ha pensieri propri e ad ogni pensiero va data voce.

Ci sarà sempre quella parola o frase che farà la differenza, ci sarà sempre quel qualcuno che leggendo si risolleverà.

E allora sì, io oggi scrivo per dare voce ai miei pensieri e chissà, potrei aiutare qualcun altro a farcela proprio come ho fatto io.


La vita ha mille sfumature e credo che i limiti esistono appunto, solo nella mente di chi non vede più in là del proprio naso. . Magari qualcuno aprirà la sua mente e capirà che il vivere di un’altra persona è diverso dal proprio, ma ciò non vuol dire che non sia possibile o che sia finita.
Anzi, sarà più colorata, più fantasiosa, più pensata, ma sarà lo stesso vita.


Leggevo qualche giorno fa, essere disabili è arte.

Sì arte, perché bisogna inventarsi a vivere ma si vive e si vive con nuovi colori, con cose fatte con fantasia, con più ingegno e questo rende noi disabili artisti perché ciò che per te è facile da fare, per noi magari è più difficoltoso ma ciò non è detto impossibile da fare.

Troverò un modo diverso per farlo ed è lì che metterò l’ingegno per riuscirci.


Quindi sì, ne sono convinta, i limiti sono solo nelle teste di chi si ferma sulla riva!